Il virus che non c'era

Scrivo dall’estero dove sono venuto a prendere una boccata d’aria.

Delle antiche gesta della “Primavera di Praga”, di Dubček e Jan Palach lo studente che per protesta si diede fuoco in piazza, qui a Praga non è rimasto più niente. Passeggio respirando boccate di libertà, in un paese a pochi chilometri dall’Italia, dove ancora puoi andare al ristorante, al cinema, o a vedere un museo senza Greenpass. Qui le mascherine le usano nei supermercati, sui mezzi pubblici e basta. In giro, gli unici che incontro con mascherina, sono una coppia giovane ed è inutile che vi dica da quale paese provengono.

 

Visto da qui, direi che il piano di Mariolino sta procedendo speditamente e senza intoppi. Ormai anche le notizie ufficiali, rilasciate dagli organi del suo stesso governo, non interessano più a nessuno e anzi, non se ne fa menzione su nessun organo di stampa.

Eppure, sono notizie importanti che capovolgono tutta la lettura di questa “Non Pandemia” e riportano ad una realtà completamente diversa. Il terribile Virus non c’è più e soprattutto, non c’è mai stato.

 

Lo annuncia l’ISS nella più totale apatia e menefreghismo. Fanno orecchie da mercante soprattutto i 43 milioni di italiani circa, che convinti più che mai di essere in mezzo ad una terribile tempesta di virus mortale, si sono vaccinati una, due volte e ora, trepidanti attendono la terza e poi sarà la quarta dose e così via, per salvarsi da questo inesistente virus e anche da noi.

Si da noi insopportabili “NoVax” che invece, non abbiamo mai creduto a questa idiozia, che abbiamo combattuto dall’inizio questa deriva dittatoriale e che non ci siamo vaccinati.

 

Ora arrivano i dati ufficiali dall’ISS. L’Istituto superiore della Sanità, dipende direttamente dal governo ed è pagato, foraggiato e ovviamente indirizzato dal governo e organi ad esso connessi. Come dire che se faccio una classifica dei morti di Covid negli ultimi due anni, io governo, ti ordino di scrivere che sono 130 mila (e comunque fa già ridere questa cifra) e che sono morti tra atroci sofferenze.

 

Invece succede che, per qualche strano gioco del destino, l’ISS rilascia qualche giorno fa i dati reali relativi ai decessi da inizio pandemia a settembre 2021 e, dimenticandosi di chiedere a Mariolino se vanno bene così, li pubblica rivelando al mondo che i morti di Covid nel nostro paese, non sono 130 mila, ma circa il 2,9% di quella cifra.  Ovvero circa tremila e qualcosa. Interessante lettura completamente stravolta, di una letteratura che ha azzerato un paese, scolpito nei volti di molte persone un terrore che si porteranno nella tomba, cancellato una Costituzione che è stata da sempre presa ad esempio come la migliore del pianeta, applicato una censura che manco ai tempi del fascismo e, manganellato e ridotto al silenzio (qualcuno anche per sempre) tutti coloro che hanno sempre lottato contro questa narrazione.

 

Bene, ora in un paese normale il giorno dopo la pubblicazione di questi dati, in un qualunque paese del globo terraqueo, la popolazione tutta sarebbe insorta, avrebbe distrutto il palazzo, preso Draghi, Speranza, Arcuri, Bassetti, Pregliasco, Burioni e tutti gli altri compresi giornalisti, giudici, medici e anchorman, e terminati sul posto ad esempio.

Questo in un qualunque paese normale del globo terraqueo.

Ma qui siamo in Italia, dove 43 milioni di persone hanno creduto a questa bufala e ora, di certo non faranno marcia indietro. Di certo non riconosceranno di essere stati presi per i fondelli e di certo, non si uniranno a chi non ha mai creduto a questa bugia di stato, per riprendersi la propria vita. Anzi questi ultimi sono i veri nemici. Non si capisce se per rabbia, per invidiai per ignoranza, ma ora i nemici sono i NoVax.

 

Di sicuro questi 43 milioni, non si uniranno ai NoVax ma certamente ora ad alcuni di loro, qualche dubbio verrà e tutte le sere che andranno a dormire, si chiederanno se si sveglieranno al mattino dopo. Perché ovvio che se non c’è nessun virus mortale, se anche il governo stesso ammette ufficialmente che il Covid è meno pericoloso di una normale influenza e, che non ammazza nessuno, che cosa mi hanno infilato nelle vene? Contro che cosa mi hanno vaccinato? Che cosa mi succederà nel tempo?

 

Domande lecite alle quali, un vero virologo premio Nobel come Montagner ha risposto da tempo ma nessuno, lo ha mai voluto ascoltare. Ironia della sorte, il premio Nobel fu istituito da Albert Nobel che pensò così, di espiare le proprie colpe per aver inventato la dinamite e, essere passato allora alla storia (dimenticata dai più), come responsabile primario della parossistica corsa agli armamenti, che portarono poi alla prima e seconda guerra mondiale. In realtà il povero Nobel, inventò la dinamite con l’intento di aiutare i minatori nel rimuovere i metalli preziosi dalle montagne. Pensò che invece di usare il piccone e la pala per staccare interi pezzi di montagna, fosse meno faticoso, più veloce e meno dispendioso, farla saltare per aria. Ma si sa il genere umano è diabolico e così la dinamite fu sfruttata per scopo bellici che tutti conosciamo.

 

Tornando ai 43 milioni di nostri simili che hanno abbracciato e sostenuto questa falsa narrazione, certo è che ora, l’unica cosa che potranno cercare di fare per salvarsi la faccia, è dire che i dati non sono veri. Diranno che i dati noi NoVax, non li sappiamo leggere. Si aggrapperanno a tutto, per evitare di sentirsi davvero piccoli e stupidi. Ma intanto, il paese è stato trascinato in un baratro dal quale non verrà più fuori. Il mitico Greenpass tra poco, servirà per fare la spesa, la benzina, per ricevere la pensione o avere accesso al conto corrente e così via. Lo so che pensate che non sarà così ma ricordo a tutti, che dai balconi cantavate l’inno d’Italia e sulle lenzuola scrivevate: “Andrà tutto bene”.

 

No, non andrà per niente bene e finirà malissimo e l’Italia che avevamo, non ci sarà mai più.

 

Il sito ufficiale dell’WHO (Vigilacces), calcola ad oggi che gli effetti collaterali al vaccino sono intorno ai 2 milioni e 700 mila nel mondo e, i decessi post vaccino in Italia (dati AIFA) sono stati dichiarati oltre 85 mila. Non voglio certo convincere 43 milioni di persone che non c’è mai stato nessun virus, e che sicuramente ci sarà una pandemia post vaccino, perché so che è un’impresa difficile. Seneca diceva: “Non è perché le cose sono difficili che non osiamo, è perché non osiamo che sono difficili”.

 

Forse aveva ragione lui ma onestamente, l’idea di discutere con voi SiVax non mi appassiona più. Vi lascio pensare che “tanto a me non succederà” e vi lascio cantare ancora l’inno di Mameli, mentre il diabolico algoritmo vi sospenderà il Greenpass tagliandovi fuori dalla vita di tutti i giorni, perché a piedi, come facciamo tutti da sempre, avete attraversato un semaforo rosso in un insignificante viuzza della vostra città.

Potete sempre consolarvi, controllando il movimento ondulatorio della rete del vostro letto.

 

Bruno Marro

seguitemi sul mio blog: https://brunomarro.blogspot.com/?m=1

Commenti

  1. Se il virus pandemico esisteva prima che fosse stato creato/potenziato in laboratorio avrebbe già dalla notte dei tempi sterminato, estinto l'uomo. Dunque è inganno globale. Ricordiamoci la presenza ulteriore di cellule di bambini abortiti giusto per comprendere il calibro dei frutti vaccinali.

    https://italiaalata.wordpress.com/2021/10/21/statisticamente-e-impossibile-che-piu-di-5-aziende-creano-un-vaccino-e-in-tempi-brevi-come-e-accaduto-e-una-estrema-satanica-menzogna/ 》

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

La Sindrome di Stoccolma

Tutti morimmo a stento

L'Italia non c'è più