Post

Visualizzazione dei post da Aprile, 2022

Carthago delenda est

Marco Porzio Catone (Il censore), politico generale e scrittore romano, visse gran parte della sua vita, con la netta convinzione che Cartagine dovesse essere eliminata. La frase che amava ripetere in Senato dopo ogni discorso era: “ ..ceterum censeo Carthaginem delendam esse “ ovvero: ”…per il resto, ritengo che Cartagine debba essere distrutta”. Il suo ultimo impegno pubblico, fu infatti quello di incitare i suoi compatrioti alla “Terza Guerra Punica” e la distruzione totale di Cartagine. Si noti che la definizione latina “delenda”, deriva dal verbo “dēlĕo” e si traduce con: distruggere, annientare, eliminare… estinguere. Ora, mi sembra che Catone avesse le idee chiare su cosa fare di un nemico. Il verbo “Estinguere”, non ha fraintendimenti. Vuol dire cancellare definitivamente anche dal punto di vista storico una cosa. Vuol dire riscrivere la storia di un periodo, stracciando definitivamente e bruciando le pagine che riguardano una certa civiltà, un certo popolo getta

Il mondo è grigio il mondo è blu

Quelli un po’ più datati come me, ricorderanno questa canzone di Nicola di Bari. Correva la fine degli anni sessanta. Nel mondo le proteste di piazza si moltiplicavano e da noi stava per arrivare il sessantotto.   Da allora è cambiato moltissimo in termini di tecnologia, lavoro e sviluppo economico. Ma soprattutto è cambiato il nostro modo di essere, di pensare, di affrontare le cose. Siamo passati da una coscienza critica ad una approvazione totale, incondizionata e inconsapevole del potere e di tutto quello che da esso ne deriva. Abbiamo perso quella voglia di ribellione, di opporci al sistema e sacrificarsi se serviva, per la causa comune. Insomma abbiamo perso quel tipo di anima e di consapevolezza della nostra forza, verso un mondo che vedevamo grigio ma che volevamo fortemente di colore blu. Anche oggi il mondo è grigio e blu. Due nette divisioni in cui noi tanto per non sbagliare, abbiamo deciso di schierarci con la parte grigia. Dico tanto per non sbagliare, perché mai nell