Post

Visualizzazione dei post da Novembre, 2021

L'Italia non c'è più

Da un po’ di tempo dormo male. Mi ritiro tardi la sera ma al mattino puntualmente, verso le cinque mi sveglio. Faccio colazione, leggo i giornali del regime, quelli non allineati, controllo le notizie che mi mandano, le mail, scrivo, passeggio ma di tornare a dormire non c’è verso. Mi continua a martellare nella mente, quel fatidico 9 marzo 2020 quando quell’essere sopravvalutato, ignorante, supponente e a me personalmente antipatico, che risponde al nome di Giuseppe Conte, si è presentato in televisione a reti unificate chiudendo il paese in lockdown e, dando inizio a tutto questo. Molti se lo sono scordato. Io no. Mi ricordo le facce della gente, quelli che cantavano l’inno Italiano dai balconi, quelli che appendevano le lenzuola con la scritta: Andrà tutto bene. A me tutta quella storia non mi ha mai convinto. Non sono un medico, non ho mai avuto nessun tipo di nozione a riguardo ma in ogni caso, dentro di me sentivo che qualcosa non quadrava, che c’era dietro un disegno più complic

Do the right thing

Nel 1989 Spike Lee, geniale regista afroamericano, scrisse diresse e interpretò un bellissimo film sulle esplosioni delle tensioni razziali in un quartiere di Brooklyn. Il titolo: Do the right thing, rimanda al fatto che nel bene e nel male, siamo tutti chiamati prima o poi a fare delle scelte. Quando decidiamo di mettere su famiglia, di avere figli, di scegliere gli studi o quale lavoro fare etc. etc. prima o poi, tutti siamo chiamati a riflettere e scegliere. Dolorose o meno che siano, ci auspichiamo di fare sempre e comunque “le scelte giuste”. Da qualche settimana il governo, presieduto dall’illuminato e democratico Mario Draghi, ha cambiato i suoi metodi. Visto che non si riesce a fermare le migliaia di persone che in moltissime città del nostro ex bel paese manifestano pacificamente, ha scelto di reprimere con molta più durezza il popolo. Il popolo, che secondo la nostra Costituzione (Art.1) resta sovrano e, che lui e il suo governo dovrebbero difendere, sostenere e aiutare, da q

La gente come noi non molla mai

Da parecchio tempo ormai, le strade sono piene di persone che si ritrovano e protestano contro le inique e dittatoriali prese di posizione del governo. Da parecchio tempo ormai, l’insofferenza si riversa in piazza dimenticata e volutamente ignorata, da tutti i media possibili e immaginabili. Tv, giornali, radio, giornalisti e chiunque vogliate infilare in questo calderone di striscianti cortigiani che, per compiacere il dittatore che sta a capo di questo governo e, pagati profumatamente dallo stesso, ignorano cancellano e minimizzano le proteste di piazza. Sono da poco rientrato da un viaggio che ha toccato Vienna, Praga e Brno. Dei titoloni luccicanti dei nostri giornali: “Vienna pronta al Lock Down per i soli NoVax”, “Intensificate le misure restrittive in Rep.Ceca” etc, non c’è niente. Non esiste una sola persona compreso il primo ministro Austriaco, che sappia di cosa stia parlando il Mainstream italiano. Forse in futuro, forse tra qualche mese, forse mai, ma per ora niente di tutt