Nelle nebbie del rientro

L’estate volge al termine e, nel caso sole e mare vi abbiano felicemente fatto sorvolare su alcuni dettagli, vi aiuto a ritornare alla realtà delle cose. Ci sono una serie di avvenimenti che, mentre voi vi facevate baciare dal sole, sono caduti sotto silenzio ma che vale la pena ricordare a tutti. 

Il primo è che dai canali Rai è velocemente sparito quel “meraviglioso” spot Pro Vaccino che vedeva protagonisti Bonolis, la Venier, la Pellegrini etc etc. Sapete perché? La “mamma” RAI è sempre pronta a difendere i suoi figli e a portare avanti le sue battaglie in loro difesa. Ma stavolta ha fatto un passo indietro clamoroso di cui, ovviamente, nessuno ha parlato.

Lo spot è stato prontamente rimosso perché Mara Venier è stata ricoverata al Policlinico Umberto Primo con una lesione facciale molto seria. Ha diffamato il suo dentista, cercando di nascondere la verità. Ma il dentista l’ha denunciata per diffamazione e calunnia e ha chiesto anche i danni. In più l’Ordine dei Medici Chirurghi e Odontoiatri ha scritto alla Direzione Rai denunciando, nelle parole della Venier, “…offesa alla categoria e danno d’immagine”.

Ci sono buone possibilità che la lesione sia una delle cause post vaccino. La emiparesi facciale e/o lesione oculare è una delle reazioni avverse più frequenti nelle persone vaccinate. Ne ho testimonianza diretta, da parte di una mia amica siciliana e una di Genova. La prima a letto da più di un mese dopo la prima dose, per emiparesi facciale e varie reazioni allergiche della pelle, la seconda idem ma, a differenza della prima amica, lei aveva fatto anche la seconda dose. Ora è sotto esame in clinica a Genova.

Sempre parlando di “testimonial” o, per coloro che sono amanti dei “gossip”, di Vip, lo stesso per Bonolis: è stato ricoverato per complicanze da vaccino. La stampa ha cercato di nascondere la cosa ma, tant’è, il “simpatico e bonario” Bonolis è sparito dagli schermi. Essendo anche lui uno dei testimonial del promo Pro Vaccino della RAI, la tv di Stato ha prontamente smesso di mandare in onda lo spot.

Ci sono poi altri testimonial pro vaccino che hanno avuto effetti collaterali gravi dopo la puntura. Ve ne ricordo alcuni: Gino Paoli ha dovuto rinunciare al tour ed è ricoverato in ospedale. I solerti giornalisti e il suo entourage si sono affrettati a dire che trattasi di “labirintite”… in realtà si parla addirittura di infarto. Loredana Bertè ha annullato la tournée. Per lei dopo il vaccino, mai nominato negli articoli, si parla di “malesseri fisici” persistenti e si pensa che addirittura dovrà essere operata.

Cito anche qualche sportivo, che ovviamente avete dimenticato tutti. Primo in assoluto l’ex giocatore dell’Inter Eriksen. Il giocatore si era vaccinato con il suo amico Vidal, che è finito di lì a poco in ospedale uscendone per fortuna in buona condizione. Invece Eriksen ha affrontato l’Europeo di calcio e sappiamo tutti com’è andata a finire. Operato al cuore, per impiantargli un defibrillatore, si parla (ma niente è ufficiale) di cardiomiopatia, che può portare all’arresto del cuore. Cosa sia successo veramente, e se ci fosse una correlazione con il vaccino, non lo sapremo mai. Certo che il sospetto viene a tutti.

In compenso, sappiamo esattamente che cosa è successo a Pedro Obiang, centrocampista del Sassuolo. Ricoverato urgentemente in ospedale, gli è stata diagnosticata una miocardite. Uno degli effetti collaterali del Vaccino anti Covid che ovviamente gli era stato inoculato poco tempo fa. 6 mesi di stop e forse carriera finita. Così come per Francesca Marcon, pallavolista della Volley Bergamo, fermata per una Pericardite accusata dopo il vaccino. Anche la pericardite è una delle reazioni gravi dovute al vaccino e, visti i molti casi recenti soprattutto tra i giovani, l’EMA ha chiesto di inserire queste “nuove” condizioni tra gli effetti collaterali dei vaccini. Chiudo con un piccolo excursus in Uk dove Roy Butler, calciatore Irlandese ex Waterford, a soli 23 anni ci ha lasciati dopo essersi vaccinato. I tabloid britannici, meno asserviti dei nostri, ne hanno dato notizia mettendo immediatamente in correlazione il vaccino con la morte. Vedremo dopo le varie autopsie, nel frattempo voi che vi siete vaccinati, potete stare tranquilli.

Chi si è punturato può contare sul fatto che, vista la continua sperimentazione del vaccino (sino al 2023 come recitato dalle stesse case farmaceutiche), ad oggi vengono inoculati metà dosi di vaccino vero e metà fisiologiche. Immagino ricorderete i casi di medici sotto inchiesta perché trovati a inoculare fisiologica al posto del vaccino. Quindi, se avete fortuna, non vi succederà niente. A questo proposito, vorrei ricordare a tutti che non esiste medico o infermiere al mondo che parte da casa e si porta dietro siringhe con dentro fisiologica da inoculare ai pazienti. A che pro poi… Ogni lotto di vaccino è tracciato e, di conseguenza, sarebbe bastato prendere la filetta con dentro la fisiologica, risalire al lotto e trovare da quale laboratorio era partito, inchiodando le case farmaceutiche. Già, ma così sarebbe stato troppo facile.

Ovviamente, se pensate all’immenso business di questa follia collettiva, il nostro beneamato governo avrebbe così pagato 100 dosi di vaccino vero e 100 dosi di acqua a prezzo pieno. Direi una mossa geniale.

Onestamente, come da me espresso parecchie volte, penso che ognuna di queste persone che sfrutta la sua popolarità per indurre le altre persone, sicuramente più deboli e più “credulone”, a compiere azioni così personali che riguardano la propria salute fisica, con la stessa facilità con cui promuoverebbero un nuovo detergente intimo o un rivoluzionario tostapane digitale, andrebbe incarcerata a vita oppure lasciata nelle mani delle persone che hanno creduto alle loro idiozie e perso mogli, figli, amici parenti etc etc. Lo so, non è molto etico ma a questo punto direi che la cosa diventa secondaria.


Il secondo fatto interessante riguarda i concerti musicali. A parte le polemiche e le rinunce a suonare in posti dove viene richiesto il Green Pass e quindi a discriminare la popolazione di Artisti come Clapton, Van Morrison, Foo Fighters e altri, volevo farvi notare alcune cose.

Mi piacerebbe che, cortesemente, qualcuno che ha partecipato di persona (in Italia) a concerti, mandasse delle foto della gente presente. Così, per vedere quante persone realmente vanno a vederli. Dalle testimonianze di amici musicisti che suonano nelle band di cantanti che hanno fatto e/o stanno facendo i concerti, si parla di poche decine di persone. Non saprei onestamente che dire anche perché, ripeto, non ho in mano testimonianze dirette di foto o video degli eventi. Sul web non si trova niente e non c’è una sola foto di questi concerti (nel periodo corrente ovvio) o una sola testimonianza. Troverete immagini di concerti degli Artisti selezionati, che si riferiscono a vecchi show. Del periodo corrente, nessuna.

In ogni caso, mentre noi ci arrabattiamo e sgomitiamo (in poche decine) per vedere J-AX o Fedez, a Chicago si è tenuto il famoso Lollapalooza Music Festival. C’erano migliaia di persone. Sapete perché? Semplicemente, perché l’accesso era consentito a tutti. La differenza era che con Green Pass potevi stare senza mascherina, mentre chi non si era vaccinato doveva accedere con mascherina. Sapete per quale motivo gli organizzatori hanno fatto questa scelta? Perché a parte le questioni di denaro ovvie, come potrete sentire dalla speaker nel video di cui al link, “..la nuova Variante Delta può essere diffusa dalle persone che sono Fully Vaccinated”. Oibò!!! Che stranezza… ecco il link:

https://www.youtube.com/watch?v=EB04P83etd4

Ovviamente, come potrete notare dal filmato, all’interno dell’area del festival ognuno ha fatto poi un po’ quello che voleva. Informo la gentile pletora di persone che sta leggendo questo post che, nei giorni successivi alla chiusura del festival, non ci sono stati: morti, devastazioni, catastrofi, annientamenti di massa, contagi pericolosi etc etc. Il Festival è finito da un po’ ma, mi spiace per gli entusiasti del vaccino, non c’è stato uno sterminio di massa della popolazione, malgrado, come potete notare dalle immagini, all’interno dell’area a parte qualcuno nelle interviste, nessuno portava niente e i distanziamenti sono un lontano ricordo.

In ogni caso, potete tranquillamente ammassarvi (vaccinati e non) sulle spiagge dei nostri litorali, per poi dividervi la sera per andare a vedere in 30/40 con Green Pass il concerto di Vecchioni. Noi invece, i reietti, possiamo sederci sui nostri tavoli nei ristoranti in riva al mare e cenare guardando il panorama delle stelle e della luna che ondeggia sulle acque. Il tutto, togliendoci anche qualche piccola soddisfazione come è accaduto a me qualche giorno fa. Una sera in un ristorante in riva al mare in Liguria, una coppia con Green Pass chiede di essere messa nei tavoli esterni di fianco a noi reietti. Lo so, sono stato veramente poco simpatico, ma siccome ti sei vaccinato, ti sei scaricato il Pass e quindi sei fortemente ancorato a questa narrazione e sei pericoloso perché potresti trasmettermi una variante sconosciuta, ne rispetti anche le regole. Ho quindi invitato la coppia a sedere all’interno e a seguire le regole che loro stessi hanno avallato, chiedendo al ristoratore di farle rispettare. Al primo accenno di discussione, ho preso il telefonino per chiamare i Carabinieri. A quel punto, il ristoratore ha accompagnato all’interno la coppia che ha potuto tranquillamente godere, come da regole che loro stessi hanno felicemente approvato con la loro adesione al vaccino e Green Pass, di un meraviglioso panorama su muro bianco ornato da quadri di dubbia fattura.

Lo so… sono davvero una brutta persona ma… No Mercy.

Buon rientro a tutti.


Commenti

Post popolari in questo blog

La Sindrome di Stoccolma

Tutti morimmo a stento

L'Italia non c'è più